LA BIBLIOTECA DEL DIFENDERE LA VERA FEDE
printprintFacebook
QUESTO FORUM E' CONSACRATO ALLO SPIRITO SANTO... A LUI OGNI ONORE E GLORIA NEI SECOLI DEI SECOLI, AMEN!
 
Innamoriamoci della Sacra Scrittura! Essa ha per Autore Dio che, con la potenza dello Spirito Santo solo, è resa comprensibile (cf. Dei Verbum 12) attraverso coloro che Dio ha chiamato nella Chiesa Cattolica, nella Comunione dei Santi. Predisponi tutto perché lo Spirito scenda (invoca il Veni, Creator Spiritus!) in te e con la sua forza, tolga il velo dai tuoi occhi e dal tuo cuore affinché tu possa, con umiltà, ascoltare e vedere il Signore (Salmo 119,18 e 2 Corinzi 3,12-16). È lo Spirito che dà vita, mentre la lettera da sola, e da soli interpretata, uccide! Questo forum è CONSACRATO ALLO SPIRITO SANTO e sottolineamo che questo spazio non pretende essere la Voce della Chiesa, ma che a Lei si affida, tutto il materiale ivi contenuto è da noi minuziosamente studiato perchè rientri integralmente nell'insegnamento della nostra Santa Madre Chiesa pertanto, se si dovessero riscontrare testi, libri o citazioni, non in sintonia con la Dottrina della Chiesa, fateci una segnalazione e provvederemo alle eventuali correzioni o chiarimenti!
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

Conferenza sulla situazione nella Chiesa dopo il Concilio (da meditare)

Last Update: 1/8/2014 4:03 PM
Author
Print | Email Notification    
ONLINE
Post: 1,196
Gender: Female
9/3/2009 11:57 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Quindi l’imperatore ha convocato questo sinodo in cui questi tre papi sono stati deposti ed è stato eletto uno nuovo: solo che questo fatto della deposizione dei papi scismatici ha causato un turbamento della chiesa, così che si pensava che ci si potesse appellare al concilio contro il romano pontefice ed allora i papi successivi hanno sempre fulminato con opportuni anatemi questa tesi conciliaristica del possibile appello contro un papa di un concilio universale.

Infatti nella nostra basilica di San Domenico c’è tutto un elenco delle proposizioni dannate per cui non si può dare l’assoluzione, bisogna proprio ricorrere alla santa sede, tra queste c’è anche chi si appella - contro il sommo Pontefice - ad un concilio futuro. Vedete come i Papi prendevano molto sul serio questa eresia conciliarista, ma al giorno di oggi si è tranquillamente conciliaristi, si dice: il concilio me lo interpreto io. No, invece di avvertire che il concilio va interpretato alla luce del magistero dei Papi.

Quindi quando leggiamo questo brano di Giovanni XXIII lo facciamo per motivi ermeneutici, cioè di autentica interpretazione. Ora Giovanni XXIII nella lettera di convocazione in cui doveva stabilire i temi fondamentali del concilio ed anche lo spirito e l’indirizzo del concilio, lettera intitolata: " Humanae salutis" dell’anno 1961 dice: si è arrivati ad un punto tale che "ut denique quod novum sane atque formidolosum existimandum est hominum secta Deum essere altior more veluti militari ordinata constiterit ad multos per populos pervaserit". Proverò una traduzione: si è arrivati a tal punto che, cosa nuova ed assai terrificante, (da considerarsi terrificante questo fatto nuovo), si è costituita una setta di uomini che negano Dio, una setta di uomini atei, (è chiara l’allusione del sommo Pontefice), organizzata, ordinata c’è in latino, organizzata come a modo militare. Vedete l’ateismo militante, vedete è chiaro il riferimento al marxismo ed al comunismo, è riuscita ad invadere molti popoli.

Giovanni XXIII ha davanti a sé questo fatto veramente sconsolante del comunismo, non c’è bisogno di dire comunismo ateo perché il comunismo è per essenza sua ateo, è un pleonasmo dire "comunismo ateo", quindi il comunismo è ateo ed è riuscito ad organizzarsi con tutti gli strumenti del potere ed a invadere molte nazioni, non solo militarmente ma soprattutto spiritualmente, cosa terrificante, formidolosum dice il sommo Pontefice, qualcosa di orribile. Vedete come Giovanni XXIII aveva quella sensibilità soprannaturale per individuare il pericolo. Alla luce di questo detto del papa si rimane allibiti davanti al silenzio del concilio, non ne parla. La "Gaudium et spes" che dovrebbe trattare proprio della chiesa che vive in questo mondo, non ne fa parola. Perché mai? Allora qui il sottoscritto non lo sa, ma si sentono alcune voci, si da a queste voci l’importanza che hanno, perché non si può sapere, ma si dice che forse c’è stato un compromesso pseudo eucumenico, cioè per garantire la presenza di osservatori della chiesa (chiesa con c minuscola, questa volta) scismatica di oriente, cioè quella di Mosca, per garantire la loro presenza al concilio bisognava che il concilio rinunciasse a condannare la setta comunista di cui ha parlato appunto il Papa Giovanni XXIII.

Non so se è vero, si può pensare che qualche motivo ci sia stato. Voi conoscete bene di che "chiesa" (fra virgolette), si tratta, del patriarcato di Mosca che è strumento di propaganda atea. Si può arrivare anche a questi estremi. Il famoso scrittore Alessandro Solgenitsyn lo dice chiaramente nella sua lettera aperta al Patriarca ……Non era il caso di arrendersi a simili signori, strumenti proprio del potere ateo.

Poi conosciamo lo sviluppo storico…..(interruzione del nastro, altro lato della cassetta)

Quando chiedeva un diplomatico, mi pare statunitense, quando diceva: bisogna tenere in considerazione il S. Padre. Questo S. padre, quante divisioni corazzate ha? Qui ha detto qualche cosa profondamente vera e il Vaticano che aveva una politica molto realistica, ispirata alla morale cattolica, due cose che non si contraddicono poi in fondo e il Vaticano l’ha sempre saputo.( Sembra che sia divenuto un po’ smemorato in questi ultimi tempi.) Allora sembra che questo dialogo si sia aperto con le potenze dell’est, un dialogo, vedete carissime, che non può aver luogo in maniera onesta. Si parla tanto del metodo del dialogo, certamente parlarsi è sempre una bella cosa tra esseri umani. Però nel dialogo c’è una condizione sine qua non, una condizione morale, che condiziona la moralità del dialogo, perché è sbagliato pensare che il dialogo sia un valore morale assoluto, cioè che sia intrinsecamente buono perché è dialogo, no ci sono altre condizioni che lo rendono buono o cattivo. La condizione fondamentale è quella che entrambe le parti umilmente sottostiano alla verità e allora si può dialogare e si deve anche dialogare. Ma care sorelle, non lo dico solo per esperienza propria, ma un poco ne avrete fatta esperienza anche voi, questo desiderio della verità in questi signori dell’est, in questi potenti nei paesi ove regna Satana, questo desiderio della verità non c’è affatto e il Vaticano lo sa bene.

Quindi vedete come ogni apertura, ogni dialogo con questi signori è assolutamente deleterio. Diceva uno di questi politicanti tedeschi, un certo Willy Brand che tutti conoscete che apriva questa ostopolitik tedesco-occidentale, diceva : quando ci si parla, non ci si spara. Può essere anche vero, eppure generalmente dopo essersi parlato, qualche volta le sparatorie succedono, anche notevoli, voi sapete bene i cedimenti delle potenze occidentali davanti a Hitler, conferenza di Monaco, chi ha memoria storica lo sa bene, dopo la quale è successa la seconda guerra mondiale, quindi capite si può dialogare e ci si può poi sparare, non si è garantiti nella pace per il fatto stesso che si dialoga, anzi un certo dialogo mal compreso può produrre una certa aggressività. Soprattutto questo politico, bisogna dire poco attendibile, ha dimenticato una cosa, che non si guerreggia solo con i proiettili, si guerreggia anche con una sottile, astuta propaganda psicologica, con la quinta colonna che questi signori dell’est, grazie proprio a questi equivoci della detta ost-politik, hanno ottenuto dalle potenze occidentali una certa credibilità che l’occidente non dovrebbe mai accordare a loro. In questo senso la guerra fredda è un imperativo di onestà, è un paradosso sapete, se si guerreggia freddamente non si guerreggia caldamente, questo è il punto, capite.

Contrariamente a quello che asseriva questo Brand, l'esperienza storica insegna anzi che la guerra fredda è la massima garanzia della pace sul piano della guerra calda. Questo per fortuna sembra che lo Spirito Santo abbia voluto illuminare i potenti dell’occidente, nella persona soprattutto del presidente degli Stati Uniti, sia pure sia diciamo così di spirito alquanto democraticistico per il resto, laicistico, tuttavia lui assume quei toni che sono da assumere nel così detto dialogo con l’est. Non vogliamo ricordare tutte quelle inopportune prese di posizione che ci sono state, soprattutto in Ungheria, tanto per citare solo un caso emblematico, pensate alla figura stupenda del cardinale Mindszenty, il quale da buon cattolico, da buon vescovo pastore del suo gregge si rifaceva proprio alla struttura dell’Ungheria cattolica e monarchica, cioè sapeva che l’arcivescovo di ………, cioè il primate di questo regno, era anche il consigliere del re e quindi sia pure purtroppo il re ovviamente non c'era, tuttavia lui sapeva di dover essere l’istanza morale di quel paese e lo era, anche nell'esilio, in quel ristrettissimo esilio dell’ambasciata americana.

È rimasto sempre per tutti i buoni ungheresi il punto di riferimento morale assoluto. Il Vaticano, carissime bisogna dirlo con molta onestà, il Vaticano sostituendolo con un altro presule, ebbene con questa sostituzione ha perso purtroppo credibilità morale presso i buoni cattolici di quel paese. È una cosa assolutamente pacifica, dalle nostre parti la gente non è sciocca, ha una sensibilità nel distinguere fra il clero rimasto fedele alla sede apostolica ed il clero nazionale, cioè il clero separatista, scismatico, le chiese nazionali, che naturalmente i padroni comunisti vogliono imporre alla chiesa per staccarla da Roma. Perché si facevano processi motivati dallo spionaggio a favore del Vaticano?

Un vescovo fedele a Roma è spia del Vaticano, per forza, perché loro vogliono ottenere la separazione dell’episcopato del clero locale dalla santa sede. Per fortuna non ci sono riusciti in pieno e proprio recentemente il S. Padre vietando ai sacerdoti di partecipare alla lotta partitica, politica ha causato una massiccia uscita di questi preti per la pace, pacem in terris si chiamano dalle nostre parti, ha causato una massiccia uscita di questi sacerdoti compromessi con il regime. Vedete come il S. Padre prende delle posizioni chiaramente contrarie contro questi movimenti di compromesso con il regime. Purtroppo questa sostituzione del cardinale Mindszenty è stata inopportuna perché il popolo semplice, credente, non vuole dei preti e dei vescovi compromessi con il regime.

Vedete ad un certo punto come diceva S. Pio X, quel sant’uomo veramente, in una parrocchia è meglio che i fedeli preghino il S. Rosario piuttosto che avere in quella parrocchia la Messa con dei preti perversi ed è giustissimo, questa dovrebbe essere la politica della santa chiesa anche al giorno di oggi. In Giappone il cristianesimo si è mantenuto anche senza gerarchia, senza sacerdoti, pregando il rosario.


continua......


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:51 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com