LA BIBLIOTECA DEL DIFENDERE LA VERA FEDE
printprintFacebook
QUESTO FORUM E' CONSACRATO ALLO SPIRITO SANTO... A LUI OGNI ONORE E GLORIA NEI SECOLI DEI SECOLI, AMEN!
 
Innamoriamoci della Sacra Scrittura! Essa ha per Autore Dio che, con la potenza dello Spirito Santo solo, è resa comprensibile (cf. Dei Verbum 12) attraverso coloro che Dio ha chiamato nella Chiesa Cattolica, nella Comunione dei Santi. Predisponi tutto perché lo Spirito scenda (invoca il Veni, Creator Spiritus!) in te e con la sua forza, tolga il velo dai tuoi occhi e dal tuo cuore affinché tu possa, con umiltà, ascoltare e vedere il Signore (Salmo 119,18 e 2 Corinzi 3,12-16). È lo Spirito che dà vita, mentre la lettera da sola, e da soli interpretata, uccide! Questo forum è CONSACRATO ALLO SPIRITO SANTO e sottolineamo che questo spazio non pretende essere la Voce della Chiesa, ma che a Lei si affida, tutto il materiale ivi contenuto è da noi minuziosamente studiato perchè rientri integralmente nell'insegnamento della nostra Santa Madre Chiesa pertanto, se si dovessero riscontrare testi, libri o citazioni, non in sintonia con la Dottrina della Chiesa, fateci una segnalazione e provvederemo alle eventuali correzioni o chiarimenti!
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

LIBRO DEI PROVERBI

Last Update: 9/3/2009 12:44 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 1,208
Gender: Male
9/3/2009 12:44 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

29            1Chi disprezza i rimproveri con ostinazione

sarà rovinato all’improvviso, senza rimedio.

2Quando dominano i giusti, il popolo gioisce,

quando governano i malvagi, il popolo geme.

3Chi ama la sapienza allieta il padre,

ma chi frequenta prostitute dissipa il patrimonio.

4Il re con la giustizia rende prospero il paese,

quello che aggrava le imposte lo rovina.

5L’uomo che adula il suo prossimo

gli tende una rete davanti ai piedi.

6Con la sua trasgressione l’iniquo si prepara un trabocchetto,

mentre il giusto giubila e si rallegra.

7Il giusto riconosce il diritto dei miseri,

il malvagio invece non intende ragione.

8Gli uomini senza scrupoli sovvertono una città,

mentre i saggi placano la collera.

9Se un saggio entra in causa con uno stolto,

si agiti o rida, non troverà riposo.

10Gli uomini sanguinari odiano l’onesto,

mentre i giusti hanno cura di lui.

11Lo stolto dà sfogo a tutto il suo malanimo,

il saggio alla fine lo sa calmare.

12Se un principe dà ascolto alle menzogne,

tutti i suoi ministri sono malvagi.

13Il povero e l’oppressore s’incontrano in questo:

è il Signore che illumina gli occhi di tutti e due.

14Se un re giudica i poveri con equità,

il suo trono è saldo per sempre.

15La verga e la correzione danno sapienza,

ma il giovane lasciato a se stesso disonora sua madre.

16Quando dominano i malvagi, dominano anche i delitti,

ma i giusti ne vedranno la rovina.

17Correggi tuo figlio e ti darà riposo

e ti procurerà consolazioni.

18Quando non c’è visione profetica, il popolo è sfrenato;

beato invece chi osserva la legge.

19Lo schiavo non si corregge a parole:

comprende, infatti, ma non obbedisce.

20Hai visto un uomo precipitoso nel parlare?

C’è più da sperare da uno stolto che da lui.

21Chi accarezza lo schiavo fin dall’infanzia,

alla fine se lo vedrà contro.

22Un uomo collerico suscita litigi

e l’iracondo commette molte colpe.

23L’orgoglio dell’uomo ne provoca l’umiliazione,

l’umile di cuore ottiene onori.

24Chi spartisce con un ladro odia se stesso:

egli sente la maledizione, ma non rivela nulla.

25Chi teme gli uomini si mette in una trappola,

ma chi confida nel Signore è al sicuro.

26Molti ricercano il favore di chi comanda,

ma è il Signore che giudica ognuno.

27L’iniquo è un orrore per i giusti

e gli uomini retti sono un orrore per i malvagi.

 

 

30         1Detti di Agur, figlio di Iakè, da Massa.

 

Dice quest’uomo: Sono stanco, o Dio,

sono stanco, o Dio, e vengo meno,

2perché io sono il più stupido degli uomini

e non ho intelligenza umana;

3non ho imparato la sapienza

e la scienza del Santo non l’ho conosciuta.

4Chi è salito al cielo e ne è sceso?

Chi ha raccolto il vento nel suo pugno?

Chi ha racchiuso le acque nel suo mantello?

Chi ha fissato tutti i confini della terra?

Come si chiama? Qual è il nome di suo figlio, se lo sai?

5Ogni parola di Dio è purificata nel fuoco;

egli è scudo per chi in lui si rifugia.

6Non aggiungere nulla alle sue parole,

perché non ti riprenda e tu sia trovato bugiardo.

7Io ti domando due cose,

non negarmele prima che io muoia:

8tieni lontano da me falsità e menzogna,

non darmi né povertà né ricchezza,

ma fammi avere il mio pezzo di pane,

9perché, una volta sazio, io non ti rinneghi

e dica: «Chi è il Signore?»,

oppure, ridotto all’indigenza, non rubi

e abusi del nome del mio Dio.

10Non calunniare lo schiavo presso il padrone,

perché egli non ti maledica e tu non venga punito.

11C’è gente che maledice suo padre

e non benedice sua madre.

12C’è gente che si crede pura,

ma non si è lavata della sua lordura.

13C’è gente dagli occhi così alteri

e dalle ciglia così altezzose!

14C’è gente i cui denti sono spade

e le cui mascelle sono coltelli,

per divorare gli umili eliminandoli dalla terra

e togliere i poveri di mezzo agli uomini.

15La sanguisuga ha due figlie: «Dammi! Dammi!».

Tre cose non si saziano mai,

anzi quattro non dicono mai: «Basta!»:

16il regno dei morti, il grembo sterile,

la terra mai sazia d’acqua

e il fuoco che mai dice: «Basta!».

17L’occhio che guarda con scherno il padre

e si rifiuta di ubbidire alla madre

sia cavato dai corvi della valle

e divorato dagli aquilotti.

18Tre cose sono troppo ardue per me,

anzi quattro, che non comprendo affatto:

19la via dell’aquila nel cielo,

la via del serpente sulla roccia,

la via della nave in alto mare,

la via dell’uomo in una giovane donna.

20Così si comporta la donna adultera:

mangia e si pulisce la bocca

e dice: «Non ho fatto nulla di male!».

21Per tre cose freme la terra,

anzi quattro non può sopportare:

22uno schiavo che diventa re

e uno stolto che si sazia di pane,

23una donna già trascurata da tutti che trova marito

e una schiava che prende il posto della padrona.

24Quattro esseri sono fra le cose più piccole della terra,

eppure sono più saggi dei saggi:

25le formiche sono un popolo senza forza,

eppure si provvedono il cibo durante l’estate;

26gli iràci sono un popolo imbelle,

eppure hanno la tana sulle rupi;

27le cavallette non hanno un re,

eppure marciano tutte ben schierate;

28la lucertola si può prendere con le mani,

eppure penetra anche nei palazzi dei re.

29Tre cose hanno un portamento magnifico,

anzi quattro hanno un’andatura maestosa:

30il leone, il più forte degli animali,

che non indietreggia davanti a nessuno;

31il gallo pettoruto e il caprone

e un re alla testa del suo popolo.

32Se stoltamente ti sei esaltato e se poi hai riflettuto,

mettiti una mano sulla bocca,

33poiché, sbattendo il latte ne esce la panna,

premendo il naso ne esce il sangue

e spremendo la collera ne esce la lite.

 

 

31                            1Parole di Lemuèl, re di Massa, che apprese da sua madre.

 

2Che mai, figlio mio! Che mai, figlio del mio grembo!

Che mai, figlio dei miei voti!

3Non concedere alle donne il tuo vigore,

né i tuoi fianchi a quelle che corrompono i re.

4Non conviene ai re, Lemuèl,

non conviene ai re bere il vino,

né ai prìncipi desiderare bevande inebrianti,

5per paura che, bevendo, dimentichino ciò che hanno decretato

e tradiscano il diritto di tutti gli infelici.

6Date bevande inebrianti a chi si sente venir meno

e il vino a chi ha l’amarezza nel cuore:

7beva e dimentichi la sua povertà

e non si ricordi più delle sue pene.

8Apri la bocca in favore del muto,

in difesa di tutti gli sventurati.

9Apri la bocca e giudica con equità,

rendi giustizia all’infelice e al povero.

 

Alef         10Una donna forte chi potrà trovarla?

              Ben superiore alle perle è il suo valore.

Bet          11In lei confida il cuore del marito

              e non verrà a mancargli il profitto.

Ghimel    12Gli dà felicità e non dispiacere

              per tutti i giorni della sua vita.

Dalet       13Si procura lana e lino

              e li lavora volentieri con le mani.

He          14È simile alle navi di un mercante,

              fa venire da lontano le provviste.

Vau         15Si alza quando è ancora notte,

              distribuisce il cibo alla sua famiglia

              e dà ordini alle sue domestiche.

Zain        16Pensa a un campo e lo acquista

              e con il frutto delle sue mani pianta una vigna.

Het         17Si cinge forte i fianchi

              e rafforza le sue braccia.

Tet          18È soddisfatta, perché i suoi affari vanno bene;

              neppure di notte si spegne la sua lampada.

Iod          19Stende la sua mano alla conocchia

              e le sue dita tengono il fuso.

Caf         20Apre le sue palme al misero,

              stende la mano al povero.

Lamed     21Non teme la neve per la sua famiglia,

              perché tutti i suoi familiari hanno doppio vestito.

Mem        22Si è procurata delle coperte,

              di lino e di porpora sono le sue vesti.

Nun        23Suo marito è stimato alle porte della città,

              quando siede in giudizio con gli anziani del luogo.

Samec     24Confeziona tuniche e le vende

              e fornisce cinture al mercante.

Ain         25Forza e decoro sono il suo vestito

              e fiduciosa va incontro all’avvenire.

Pe           26Apre la bocca con saggezza

              e la sua lingua ha solo insegnamenti di bontà.

Sade       27Sorveglia l’andamento della sua casa

              e non mangia il pane della pigrizia.

Kof         28Sorgono i suoi figli e ne esaltano le doti,

              suo marito ne tesse l’elogio:

Res         29«Molte figlie hanno compiuto cose eccellenti,

              ma tu le hai superate tutte!».

Sin          30Illusorio è il fascino e fugace la bellezza,

              ma la donna che teme Dio è da lodare.

Tau         31Siatele riconoscenti per il frutto delle sue mani

              e le sue opere la lodino alle porte della città.

 

 


 

Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:29 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com